SalumiAmo Magazine

Il ruolo della carne in età pediatrica

Nel settore dell’alimentazione, nonostante il galoppante progredire delle conoscenze scientifiche, persistono sacche di disinformazione sostenute da pregiudizi e semplificazioni salutistiche, diffuse non sempre correttamente da alcuni mass media. E così gli alimenti vengono spesso classificati in “buoni” e “cattivi”, il che disorienta ancor più il consumatore.

In effetti, nessun prodotto può essere considerato buono o cattivo per la salute, ma deve essere valutato per i nutrienti che apporta nella razione alimentare giornaliera. La carne e i salumi, ma anche le uova e i formaggi, sono stati ripetutamente indicati quali fattori di rischio alimentari per alcune patologie cardiocircolatorie. In effetti vi è la tendenza ad identificare i grassi saturi (laurico, miristico e palmitico) associabili alle citate patologie, con i grassi animali. Tali grassi sono tuttavia presenti sia nel mondo animale che vegetale, unitamente ai grassi insaturi, e rappresentano dei nutrimenti importanti per la vita umana. L’importante è non oltrepassare il limite giornaliero previsto per ogni categoria di alimento in una dieta equilibrata. È stato per esempio rilevato con certezza che le popolazioni che consumano una prima colazione a base di prosciutto, bacon e con largo uso di carni crude e cotte di maiale hanno un’incidenza di infarti miocardici (purché non superino il limite giornaliero previsto dalla dieta) addirittura inferiore alla media della popolazione italiana.

Le carni sono ricche di ferro biodisponibile; più precisamente il ferro di questi alimenti è sotto forma “emica”, cioè legato al gruppo “eme” dell’emoglobina: tale forma ne determina un assorbimento intestinale diretto. Poiché il ruolo del ferro è fondamentale per l’organismo umano (trasporto di ossigeno, sintesi di molecole vitali per i processi chimico-metabolici), una sua carenza determina gravi patologie (anemia, ridotto sviluppo neuro-cognitivo nel bambino, ecc.). Poiché il ferro biodisponibile raggiunge il 20% del contenuto nella carne, mentre nella verdura è dell’1%, si comprende perché il contenuto della carne e i prodotti da questi derivati costituiscono un approccio dietetico fondamentale in particolare per i soggetti in età pediatrica. Studi epidemiologici recenti e condotti su larga scala (studio di popolazione) hanno evidenziato che una dieta totalmente priva di carne e derivati (e quindi privi di vitamina B12 e di altri nutrienti essenziali, quali il ferro biodisponibile), se cominciata sin dalla tenera infanzia, può avere un impatto fortemente negativo sullo sviluppo cognitivo anche durante l’adolescenza. È infatti dimostrato che una dieta povera di proteine animali (meno di 20 g/die), in bambini di 3-5 anni ha un notevole impatto negativo sulle loro “performance cognitive”, valutate secondo lo “score” terman-merrill (Scrimshaw, 1998).

In effetti la nutrizionista Elisabetta Bernardi, impegnata a demolire quei pregiudizi che nel corso del tempo si sono sviluppati intorno alla carne, così si esprime: “La bistecca fa bene al cervello, mentre una dieta priva di carne, soprattutto nei bambini, rischia di non favorire lo sviluppo cognitivo. Una carenza di ferro nell’alimentazione può essere correlata con bassi risultati scolastici, quindi per i più piccoli è consigliato mangiare la carne. Bambini vegetariani, nati da madre vegetariane, se non arricchiscono la propria dieta con integratori particolari, possono andare incontro al rischio di un ridotto sviluppo cognitivo”.

I prodotti di origine animale sono gli unici a portare calcio a livello adeguato e vitamina D (completamente mancante nei prodotti vegetali). Le carenze di vitamina D sembra colpiscano circa il 50% degli americani (le persone che vivono in città non ricevono sufficiente irradiazione solare). L’elevata nutrizionalità della carne deriva dalla sua ricchezza di proteine nobili contenenti amminoacidi essenziali (cioè indispensabili alla vita e acquisibili solo con l’alimento) ed altri amminoacidi con attività anche “extranutrizionale”, che favoriscono ad esempio la crescita dell’individuo: è indicativo al riguardo il rapporto, nella popolazione umana”, tra consumo di carne e statura media.

La carne è inoltre ricca di Sali minerali indispensabili, sotto forma “organica” e quindi più facilmente assimilabili; vitamine idrosolubili (b1, B2, B12, ecc.); vitamine E con attività antiossidante; nucleotidi, metionina e arginina che favoriscono il metabolismo energetico supportando l’attività del sistema immunitario, quindi potenziando le difese contro le malattie infettive.

Tratto da “Alimentazione: verità e bugie, a cura di Stefano Zurrida e Carlo Cipolla, pg 72-74”, Cap. 4, testo di G. Poli e S. Masini, Sics editore.
(fonte articolo: www.carnisostenibili.it)

 

L’articolo è a cura di Stefano Zurrida – Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1985 all’Università degli Studi di Cagliari con 110/110, conferimento della lode e pubblicazione della tesi. Nel 1989 si è specializzato in Oncologia Generale e successivamente, nel 1994 in Chirurgia Generale, all’Università degli Studi di Pavia. Lavora dal 1986 in ambito oncologico, presso l’Istituto Nazionale dei Tumori e dal 1994 opera all’Istituto Europeo di Oncologia (IEO), dove è stato nominato direttore dell’Unità di Diagnostica e Terapia Chirurgica in Senologia. E’ Prof. di Chirurgia Generale dell’Università di Milano.

News

Alimentazione e attività sportiva: consigliati ...

IVSI partecipa a Nutrimi, dal 6 al 7 luglio in edizione virtuale, con uno stand interattivo: informazioni e curiosità sui salumi

Alimentazione e attività sportiva: consigliati i salumi per il dopo allenamento
Salumi e dintorni

Prosciutto crudo in gravidanza? Sì!

Nessuna paura nel mettere in tavola il Prosciutto di San Daniele, come altri salumi a lunga stagionatura, nei nove mesi più dolci che ci siano

Prosciutto crudo in gravidanza? Sì!
News

Assemblea IVSI: il Manifesto dei valori traccia...

Un appuntamento molto partecipato, in cui si è fatto l’excursus dell’anno passato, una riflessione sulla situazione attuale e si è guardato al futuro. Gli obiettivi per il 2020-2021: sostenibilità e promozione in ASIA

Assemblea IVSI: il Manifesto dei valori traccia il futuro delle aziende
News

Nasce “il distretto del cibo dei Salumi DOP Pia...

Il Consorzio costituisce il primo distretto del cibo riconosciuto dalla regione Emilia Romagna e unico distretto del cibo per i salumi Dop compreso nell’elenco nazionale dei distretti del cibo

Nasce “il distretto del cibo dei Salumi DOP Piacentini”
News

Il Consorzio del Prosciutto Toscano DOP e la vi...

A partire dal 1° luglio una campagna social congiunta rilancia lo storico percorso legato al sapore del Prosciutto Toscano DOP

Il Consorzio del Prosciutto Toscano DOP e la via Francigena
News

Ecco l'estate: calamari alla catalana!

Stavolta la ricetta che proponiamo è davvero inusuale: mare e terra s’incontrano, in questa ricetta della tradizione spagnola

Ecco l'estate: calamari alla catalana!
Salumi e dintorni

Salumi rassicuranti al tempo del Coronavirus

Tra gli alimenti dotati di un potere rassicurante vi sono quelli dell’infanzia come il latte e i dolci, il pane e quelli che fanno riferimento alle tradizioni e ai territori d’origine

Salumi rassicuranti al tempo del Coronavirus
News

Salumi DOP Piacentini 2019: stabile il trend di...

Sostanziale tenuta dei consumi con ridimensionamento della marginalità economica. Salame, coppa e pancetta DOP sugli stessi livelli produttivi del 2018

Salumi DOP Piacentini 2019: stabile il trend di produzione

SalumiAmo Magazine è nato per condividere news, ricette e curiosità sul mondo dei salumi, patrimonio unico al mondo ed invidiato ovunque. SalumiAmo è un marchio registrato e gli eventi organizzati da IVSI (Istituto Valorizzazione Salumi Italiani), che è l'Istituto con una mission molto chiara già nel nome, portano questo brand in giro per l'Italia e nel mondo. In questo spazio puoi tenerti aggiornato sul mondo dei salumi italiani.