SalumiAmo Magazine

Salumi rassicuranti al tempo del Coronavirus

Di Giovanni Ballarini

La pandemia da coronavirus che ha investito il mondo intero modificando gli stili di vita degli italiani interessa anche l’alimentazione e in questa è interessante rilevare che tra gli alimenti che sono più largamente acquistati vi sono quelli che hanno una maggiore tradizionalità o che sono destinati a essere trasformati dalla cucina familiare che sta vivendo un inaspettato periodo di successo, peraltro tipico di tutti i periodi difficili. Vi è ora da chiedersi se si tratta di una condizione che potrà scomparire con il ritorno a condizioni di una anche relativa normalità o se invece il futuro sarà diverso e con quali conseguenze sui prodotti della salumeria.
Indubbiamente fare previsioni soprattutto economiche è il modo migliore per sbagliare, ma in una certa misura per cercare d’immaginare un possibile futuro e soprattutto di dirigerlo un aiuto può venire dall’antropologia, scienza ardimentosa che studia e considera i comportamenti umani nelle diverse condizioni sociali.

In condizioni di paura e soprattutto d’insicurezza l’antropologia insegna a considerare i consumi alimentari anche come un sensibile termometro dell’inconscio individuale e collettivo. In modo particolare vi sono alimenti, come i salumi, il cui possesso e uso degli alimenti, al di fuori del semplice soddisfacimento nutrizionale, è un istintivo e importante rimedio a condizioni di incertezze e insicurezza. Significativo è l’antico proverbio presente in diverse regioni che dice: a far la barba (o a lavarsi i piedi) si sta bene un giorno, a prender moglie si sta bene un mese, ad ammazzare il maiale (e quindi trasformandolo in salumi) si sta bene un anno.

Tutti gli alimenti devono essere sicuri e cioè non avere caratteristiche negative per la salute umana nelle normali condizioni d’uso, ma vi sono alimenti che sono rassicuranti e cioè capaci di suscitare nei consumatori sentimenti e pensieri di sicurezza, anche come espressione di imprinting alimentari individuali ma soprattutto collettivi. Acquistare, possedere cibo e ancora più trasformarlo in piatti identitari sviluppa fiducia e tranquillità – si dice anche che a pancia piena si ragiona meglio – così si spiega il ritorno al pane e la particolare propensione a una cucina cucinata e non semplice assemblaggio e riscaldamento di cibi preconfezionati. In modo analogo diviene più chiaro perchè gli alimenti più richiesti nei periodi difficili sono quelli con particolari caratteri rassicuranti.

Tra gli alimenti dotati di un potere rassicurante vi sono quelli dell’infanzia come il latte e i dolci, il pane e quelli che fanno riferimento alle tradizioni e ai territori d’origine, come i salumi DOP e IGP italiani e i salumi di marche che nel corso dei decenni hanno acquistato la fiducia degli italiani. È così comprensibile come in controtendenza con il crollo generale dei consumi nel marzo 2020 vi è stato un aumento della spesa alimentare e come (analisi Coldiretti su dati Ismea) l’aumento delle vendite ha fatto segnare incrementi che sono del +29% per la carne, +21% per i salumi (+17% salumi affettati confezionati in vaschetta) e +26% uova, +20% per latte e derivati. A spostare i consumi alimentari è stata anche la chiusura forzata di bar, trattorie e ristoranti con la ristorazione nel suo complesso per cui si può dire che vi è stato un ritorno al pane e salame o altro salume, entrambi (pane e salume) cibi rassicuranti.

Passata la fase acuta della pandemia si deve pensare che per un più o meno lungo periodo di tempo la congiuntura economica cambierà le abitudini di spesa delle famiglie, non solo per le ragioni legate all’incertezza sul futuro e al calo del reddito disponibile, ma anche a seguito per un ripensamento più generale nelle scelte di consumo. Le crisi sono sempre state occasione di rinnovamenti e anche questa volta sarà necessario considerare la necessità di uno stile di vita e di alimentazione più sostenibile, senza dimenticare il ruolo che hanno gli alimenti rassicuranti dei quali l’agroindustria italiana è una grande produttrice.
In alimentazione avranno spazio gli alimenti più essenziali e rassicuranti, scartando il superfluo e privilegiando ciò che è indispensabile o che assicura benessere, salute e rassicura. Prevedibile è un ritorno alle preparazioni fatte in casa con riduzione delle merendine industriali a favore del tradizionale pane e salume con una buona tenuta, se non espansione, dei prodotti DOP, IGP, tipici e con attenzione all’origine geografica.

Non bisogna infatti sottovalutare che nel periodo pre-crisi i consumatori italiani erano attenti all’origine geografica degli alimenti nell’88% dei casi, superati solo dai greci (90%) mentre gli spagnoli si fermano al 66%, i tedeschi al 74%, i francesi al 75% e gli inglesi al 52%. Anche nel futuro il comparto agroindustriale italiano, che a livello mondiale è già in testa nelle produzioni a denominazione d’origine e considerando anche il loro potere rassicurante delle sue produzioni, ha tutte le possibilità di mantenere questo primato.

(articolo tratto da L’Industria delle Carni e dei Salumi, maggio 2020)

News

Cappellacci con culatello: poesia per gli occhi

Una preparazione che richiede tempo, pazienza e una certa dose di esperienza in cucina. Materie prime umili si possono trasformare in meraviglia!

Cappellacci con culatello: poesia per gli occhi
News

Il gusto ...di una passeggiata in montagna

Speck e mele sono un connubio che ci parla immediatamente di montagne. In questa ricetta, c’è tutto il gusto di una passeggiata fra i monti del nord

Il gusto ...di una passeggiata in montagna
News

Al via “i Viaggi nel Gusto di Daniele Reponi”

Un tour gastronomico digitale che attraversa l’Italia per visitare alcuni dei territori dove si produce la Mortadella Bologna IGP: segui gli eventi sui social

Al via “i Viaggi nel Gusto di Daniele Reponi”
News

Progetto “Cut & Share”: il Prosciutto Toscano D...

Prosciutto Toscano e Pecorino Toscano protagonisti di una campagna triennale di informazione e valorizzazione focalizzata su Stati Uniti e Canada. Primo appuntamento 2021, un webinar alla presenza di 20 operatori b2b newyorchesi.

Progetto “Cut & Share”: il Prosciutto Toscano DOP alla conquista degli Stati Uniti
News

Lectio magistralis di Isa Mazzocchi ad ALMA sui...

Premiata da Michelin come “Chef Donna 2021”, Isa Mazzocchi è stata la docente d’eccellenza del Corso Superiore di Cucina Italiana n. 52: dedicato ai Salumi Piacentini DOP per i futuri chef

Lectio magistralis di Isa Mazzocchi ad ALMA sui Salumi Piacentini Dop
News

Il digital premia il prosciutto di San Daniele

Un’analisi tra i prodotti food italiani riconosce i risultati della campagna di comunicazione 2020

Il digital premia il prosciutto di San Daniele
News

Prosciutto di Parma avvia un progetto di filier...

Obiettivo: migliorare gli standard di sostenibilità in allevamento. Focus su benessere animale, uso responsabile del farmaco e biosicurezza

Prosciutto di Parma avvia un progetto di filiera virtuosa
News

Maggio: il mese delle rose (anche di salame!)

Una brioche farcita, ma con una forma così speciale da farne una piccola festa a portata di mano.

Maggio: il mese delle rose (anche di salame!)

SalumiAmo Magazine è nato per condividere news, ricette e curiosità sul mondo dei salumi, patrimonio unico al mondo ed invidiato ovunque. SalumiAmo è un marchio registrato e gli eventi organizzati da IVSI (Istituto Valorizzazione Salumi Italiani), che è l'Istituto con una mission molto chiara già nel nome, portano questo brand in giro per l'Italia e nel mondo. In questo spazio puoi tenerti aggiornato sul mondo dei salumi italiani.