Concorso nazionale: “Lo Zampone e il Cotechino Modena IGP degli chef di domani”

NEWS IVSI

06/06/2017

Tradizione, Innovazione, Alta Cucina, Autentico Piacere Europeo le quattro categorie per la quarta edizione. Regolamento per le scuole sul sito del Consorzio

Il Consorzio Zampone e Cotechino Modena IGP con il Patrocinio di Regione Emilia Romagna e Comune di Modena, indice la quarta edizione del Concorso nazionale di cucina “Lo Zampone e il Cotechino Modena IGP degli chef di domani”, nell’ambito della VIIª edizione della Festa dello Zampone e del Cotechino Modena IGP, che si terrà il giorno sabato 9 dicembre 2017 in piazza Roma a Modena.


Possono partecipare al concorso le classi 4° e 5° degli Istituti Professionali Statali per i Servizi dell’Enogastronomia e l’Ospitalità e le classi 3° delle Scuole e gli Istituti Alberghieri di formazione professionale. La partecipazione al concorso è completamente gratuita ed avviene a titolo di classe.

A partire dal mese di giugno 2017 sarà possibile per le scuole interessate iscriversi sul sito al link www.modenaigp.it. Registrandosi sarà possibile ottenere le credenziali che daranno modo di caricare le loro ricette sul sito per partecipare al concorso.

Le scuole avranno tempo fino al 3 novembre 2017 per caricare le proprie ricette sul sito del Consorzio!


Verranno selezionate 10 ricette finaliste per partecipare alla finale in programma per sabato 9 dicembre in Piazza Roma a Modena. I 10 Istituti selezionati per la finale, riceveranno la comunicazione ufficiale della loro ammissione entro il 17 novembre 2017.

Il Consorzio fin dalla sua prima edizione ha voluto con il concorso dare una spinta alla creatività dei giovani che in ogni edizione si sono dovuti cimentare in nuove sfide…e l’edizione 2017 si prefigura davvero avvincente! Gli studenti dovranno infatti preparare un piatto a scelta utilizzando e valorizzando lo “Zampone o il Cotechino Modena IGP”, tra antipasto, primo, secondo o dessert, rientranti nelle seguenti categorie:

TRADIZIONE: per ricette a base di Zampone e Cotechino Modena IGP che ricordino quelle tradizionali, ma con un occhio di riguardo ai prodotti e alle ricette del proprio territorio di appartenenza

INNOVAZIONE: per ricette completamente nuove e originali rispetto a quelle già conosciute, in cui la fantasia fa da protagonista in abbinamenti inediti di ingredienti

ALTA CUCINA: per ricette che i grandi chef stellati potrebbero riproporre nei loro ristoranti, uno spunto, un'idea, con un occhio di riguardo in più nei confronti della presentazione del piatto, della scelta delle materie prime, dei condimenti e dell'innovazione

AUTENTICO PIACERE EUROPEO: per ricette che sanno di Europa. Le ricette partecipanti per questa categoria rientreranno in seguito in un progetto cofinanziato dalla Comunità Europea in collaborazione con il Consorzio Cacciatore e il Consorzio Mortadella Bologna. I piatti presentanti dovranno ospitare contemporaneamente lo Zampone o il Cotechino Modena IGP, la Mortadella Bologna IGP e il salame Cacciatore DOP in abbinamento con altri prodotti tutelati DOP e IGP a livello europeo. Le ricette verranno presentate alla stampa internazionale come rappresentanti l’Autentico piacere europeo.

La Giuria sarà composta dal Presidente del Consorzio Zampone e Cotechino Modena IGP, Paolo Ferrari, dallo chef Massimo Bottura, insieme ad altri rappresentanti del mondo istituzionale, economico ed eno-gastronomico della città di Modena.

Alle classi vincitrici andranno in premio elettrodomestici da cucina professionali.

www.modenaigp.it


Il Consorzio Zampone e Cotechino Modena IGP
Il Consorzio Zampone e Cotechino Modena IGP si è costituito nel 2001 a Milanofiori (Milano), dopo un articolato percorso iniziato nel 1999, anno in cui i due prodotti hanno ottenuto l’ambito riconoscimento europeo IGP (Indicazione Geografica Protetta) con il regolamento della Commissione Europea n. 509/1999. Il Consorzio, che ha come scopo la tutela e la valorizzazione dello Zampone Modena e del Cotechino Modena IGP, conta oggi 15 aziende, che rappresentano i principali produttori dei due prodotti IGP.

IGP - Indicazione Geografica Protetta
La sigla IGP (Indicazione Geografica Protetta) introduce un nuovo livello di tutela qualitativa che tiene conto dello sviluppo industriale del settore, evidenziando l’importanza delle tecniche di lavorazione impiegate oltre al rispetto del vincolo territoriale. Quindi, la sigla identifica un prodotto originario di una regione e di un paese le cui qualità, reputazione, ricetta e caratteristiche si possano ricondurre all'origine geografica, e di cui almeno una fase della produzione, della trasformazione o dell’elaborazione avvenga nell'area delimitata.
Vai all'archivio completo >