Giappone

2015-2017 - "SalumiAmo DOP" riporta i salumi in Giappone

SalumiAmo DOP è una campagna di informazione e promozione biennale realizzata da IVSI, con il contributo dell’Unione europea e dello Stato Italiano e con la collaborazione dell’agenzia ICE di Tokyo. A partire dal 2015, quando sono iniziate le fasi di realizzazione dei tanti materiali informativi, nell’ambito della campagna sono previste numerose attività: corsi di cucina e showcooking, degustazioni nei ristoranti e nei punti vendita di diverse città giapponesi, incontri con gli operatori, opuscoli educational distribuiti come allegati ad importanti riviste food e materiale informativo specifico, incontri con la stampa e viaggi in Italia per il Premio giornalistico Reporter del Gusto. Per IVSI  si tratta della terza campagna in Giappone.

La conferenza stampa di presentazione del Programma si è tenuta il 4 aprile 2016, quando al Ristorante Bulgari di Tokyo, nel quartiere di Ginza, ha preso vita il calendario delle attività. In occasione dell'evento di lancio, il Presidente dell'Istituto Valorizzazione Salumi Italiani Francesco Pizzagalli, ha affermato che "con il Giappone abbiamo un rapporto consolidato di amicizia e rispetto. Il consumatore giapponese è molto attento alla qualità dei cibi e, oltre al gusto, cerca un prodotto sano e genuino. I nostri salumi rispondono a queste richieste.“

Tutti gli aggiornamenti saranno presto disponibili sul sito dell'iniziativa, creato per l'occasione in lingua giapponese www.salumiamo.jp.

All'interno della brochure principale distribuita in Giappone, sono presenti alcuni spunti creativi per la preparazione dei salumi in ricette create appositamente dallo chef Kotaro Noda. Le sue creazioni sono l'esatto incontro fra cultura europea e giapponese: un'armonia che si riflette negli ingredienti, negli abbinamenti e nella presentazione dei piatti, scelti per stuzzicare la fantasia dei consumtaori giapponesi ...e italiani!

Kotaro Noda
In Italia da 17 anni, una laurea in marketing, Noda ha 'sposato' la cucina italiana e la metodica orientale. La sua natura giapponese emerge nel trattamento della materia prima e nei suoi impiattamenti; il rispetto della tradizione italiana si ritrova invece nelle preparazioni di grandi classici regionali come l’amatriciana, la carbonara o il cacio e pepe.
Ha cominciato la sua carriera con Gualtiero Marchesi a Kobe, con Enrico Crippa e poi all’Enoteca Pinchiorri di Firenze. Ha guadagnato una stella Michelin presso l’Enoteca La Torre di Viterbo e due forchette nella guida del Gambero Rosso per la sua cucina al ristorante Magnolia nel Jumeirah Grand Hotel di Via Veneto a Roma. Dopo un periodo a Copenhagen, presso i ristoranti di Noma e Geranium, ha deciso di tornare in Italia, a Roma, per far conoscere la sua cucina ed esaltare il connubio tra due grandi culture, quella italiana e quella giapponese.

Guarda le sue creazioni!
 

2008-2010 - Campagna "Tradition and quality Salumi"

Nell’autunno 2009 si sono concentrate le principali attività della seconda annualità, a cominciare dalla trasmissione TV “The Girolamos’ Salumi Kitchen”, andata in onda su BS Asahi; protagonisti assoluti i coniugi Panzetta (lui è l’italiano più famoso in Giappone dopo Leonardo Da Vinci e detta legge in fatto di glamour e nuove tendenze). Inoltre, una campagna pubblicitaria, un’intensa attività di ufficio stampa e di relazioni con media e opinion leader, promozioni/degustazioni in frequentatissimi department stores e in ristoranti scelti per l'occasione, il collegamento attraverso un QR Code alla versione mobile del sito www.salumi.jp. Infine, un’altra importante iniziativa del Programma è stata la premiazione avvenuta in Italia dei giornalisti “Reporter del Gusto”.

Nel 2008 ha preso il via il Programma biennale di promozione dei salumi italiani in Giappone, realizzato con contributi europei e dello Stato italiano.
Avviato con una missione di giornalisti giapponesi in Italia, l’attività è continuata con una conferenza stampa presso il ristorante Armani Ginza di Tokyo, un incontro con gli importatori, una campagna pubblicitaria su quotidiani e periodici di life style ad ampia tiratura e attività promozionali nei ristoranti e nei punti vendita. Inoltre, nell’ambito del Programma è stato realizzato del materiale informativo in giapponese, il sito internet www.salumi.jp e altro materiale promozionale.

1999-2003 - Primo programma promozionale in Giappone

Il primo Programma triennale - organizzato da IVSI subito dopo l’apertura del mercato nipponico ai salumi italiani, avvenuta nel febbraio 1999 - ha coinciso con la fase di lancio e di diffusione dei salumi italiani in Giappone. A tempo di record è stata organizzata la prima presentazione della salumeria italiana, durante l’importante fiera alimentare Foodex di Tokyo. Sulla base di una ricerca di mercato, indispensabile per il lancio della salumeria in un Paese con una cultura molto diversa da quella mediterranea, dal 2000 al 2003 sono state realizzate iniziative rivolte ai differenti target di interesse. Innanzitutto si è cercato di favorire momenti di incontro tra le aziende italiane e gli operatori locali sia attraverso la partecipazione a 3 edizioni della fiera Foodex sia durante un road-show - con conferenza stampa, workshop e training per gli operatori - nelle città di Tokyo, Osaka e Fukuoka. Il consumatore è stato avvicinato attraverso una campagna pubblicitaria, trasmissioni televisive sulla TV pubblica NHK, corsi di cucina per chef e appassionati di cucina, organizzati alla Hattori e alla Tsuji Cooking School, promozioni presso department stores e degustazioni in famosi ristoranti di Tokyo e Osaka.

Infine sono state realizzate una brochure-ricettario, delle cartoline promozionali, un sito web e un’intensa attività di Pubbliche Relazioni che ha incluso una conferenza stampa presso l’Ambasciata d’Italia a Tokyo e un Press tour in Italia di una decina di giornalisti dei principali quotidiani e periodici giapponesi specializzati in life style, cucina e gastronomia.